Categorie
Progetti

+Two Lines Four Borders+

La performance

+Two Lines, Four Borders + è una performance realizzata nei primi giorni del 2021. Consiste nel sorvolare con due aerei a reazione i confini di quattro stati americani: Utah, Colorado, Arizona e New Mexico. Le scie lasciate dai due aerei a reazione ricalcano perfettamente i confini dei quattro Stati americani, di fatto materializzandoli. La performance è documentata grazie alle immagini scattate dal satellite Landsat/Copernicus, che sono a loro volta utilizzate in Google Earth. In questo modo la performance, da gesto effimero, viene ad essere congelata in una foto, continuamente accessibile, visitabile e consultabile.

Per andare direttamente al punto esatto nella mappa in Google Earth, scaricare ed aprire il file qui sotto.

La preparazione

La fase più importante per la preparazione della performance è stata scoprire quando sarebbe stata scattata la foto dal satellite di quell’area. Una volta ricevuta questa informazione, si è proceduto all’individuazione di 4 aeroporti che si trovassero vicini al sito della performance.

Successivamente si è proceduto al noleggio di due aerei a reazione e all’assunzione di due piloti che li facessero volare.

Sopralluogo e scelta dell’aereo

Il gesto

Nel giorno e all’ora prefissata i due piloti sono decollati simultaneamente dagli aeroporti di Window Rock e Page. Una volta raggiunta l’altezza di 10 000 mt hanno volato per circa venti minuti, incrociandosi esattamente sopra al punto conosciuto con il nome di Four Corners.

Uno degli aerei poco dopo il decollo dall’aeroporto di Page

Il lavoro di Gianni Pettena

L’idea alla base della performance è un rielaborazione di due proposte di Gianni Pettena degli inizi degli anni Settanta.

Nel 1970 Pettena propone “Cancellazione di uno Stato”, un manuale di istruzioni per realizzare una performance, con un chiaro intento politico, la cancellazione di uno stato appunto, ad opera di due aerei a reazione, fotografati da un satellite per le previsioni metereologiche.

L’anno seguente, lo stesso Pettena riprende l’idea di “Cancellazione di uno Stato” e la sviluppa in Architectural project #2 (Planes crossing), una serie di proposte per il concorso Trigon di Graz nel 1971, dove “il passaggio di aerei in formazione ‘lavora’ il cielo sopra Graz, fisicizzando temporaneamente, visualizzando, ciò che la imprigiona e imprigiona l’architettura: il rigore geometrico del moderno che insegue le perfezione della classicità e non sa delle sue imperfezioni che la resero eterna” (Pettena).

I confini

Pettena proponeva la cancellazione di uno Stato, o la visualizzazione delle griglie che ingabbiavano l’architettura moderna. Io ho deciso di concentrarmi sui confini. Sembra assurdo eppure in un mondo sempre più globalizzato, oggi il concetto di confine ed i confini stessi sono tornati alla ribalta. Invasioni militari, Brexit, chiusura dei confini comunali, regionali e nazionali come strategia per difendersi dal virus, muri tra Stati, muri contro i migranti. Oggi i confini sono dappertutto, eppure spesso non li vediamo. Il sito per la performance è stato scelto proprio perché rappresenta bene l’artificialità deli confini: se in Europa siamo abituati a confini fisici più che politici, nelle grandi distese statunitensi, essi sono tracciati a riga e squadra.

Le mappe

Credo che le mappe, soprattutto quelle informatiche e interattive, siano un campo di ricerca interessante. In questo caso mi riferisco allo strumento principe in questo settore: Google Earth. Il supporto su cui funziona Google Earth sono delle immagini satellitari, che via via nel tempo sono diventate sempre più nitide e aggiornate. Diamo per scontato che queste foto rappresentino lo stato di fatto, in un certo senso il tempo presente, mentre è chiaro che si tratta di un tempo passato poiché ancora non disponiamo di immagini scattate istantaneamente. È lo stesso movimento per cui la storia inizia ad essere definita tale, tempo passato e non più presente, nel momento in cui inizia ad essere scritta.

Tutta l’esperienza umana si muove in quattro dimensioni, ovvero le tre dimensioni dello spazio più la dimensione del tempo. Nonostante questa restituzione sia per forza di cose bidimensionale, grazie a Google Earth disponiamo di immagini tridimensionali, sia a volo d’uccello, che all’altezza dell’occhio umano (quest’ultima grazie alla funzione Street View) e anche la dimensione temporale è presente, infatti grazie ad una timeline siamo in grado di scorrere le varie foto che sono state acquisite negli anni. Grazie a questo potente strumento ci muoviamo nel tempo e nello spazio, il tutto seduti sul divano.

Le mappe rappresentano bene due delle volontà dell’uomo sin dalla notte dei tempi: la conoscenza, da cui in parte deriva la seconda, ovvero la volontà di controllo sul mondo che ci circonda. Le mappe sono storicamente gli strumenti del potere, elementi fondamentali, ad esempio, in ambito militare. Nell’era contemporanea, grazie agli strumenti di rilevazione digitali le nostre mappe sono divenute sempre più oggettive, tuttavia mantenendo un certo grado di astrazione, a vantaggio della leggibilità e della chiarezza delle informazioni rappresentate. Nel caso delle foto satellitari, esse sono così dettagliate che recentemente uno studente ne parlava come qualcosa di vero, reale, in tutto e per tutto aderente alla realtà.

In realtà tutte le mappe sono figlie dell’astrazione e non sempre sono oggettive, ma soprattutto non sempre rappresentano qualcosa di reale. Un caso eclatante è rappresentato da questo esempio, in cui i tipi di Google stessi hanno modificato digitalmente le foto per renderle “coerenti” con la visione che ci aspettiamo di un certo luogo. Si tratta della valle di Goreme, in Cappadocia, nota in tutto il mondo per le sue mongolfiere.

Ritengo che questa manipolazione sia un fatto gravissimo, ma soprattutto mostri benissimo come i mezzi di comunicazione ed informazione possano distorcere e manipolare non solo la verità, ma anche la realtà. Quello che queste immagini gridano è: “la mappa è mia e quello che vedi lo decido io!”. Questo è ancora più evidente nel caso di informazioni legate alla sicurezza di alcune istituzioni: parti della mappa vengono oscurate per garantire che non sia compromessa la segretezza di determinate informazioni.

L’attimo, o l’eterno presente

L’idea alla base del progetto è trasformare la crisi in valore. Abbiamo detto che le mappe rappresentano il passato e che vengono considerate uno strumento oggettivo, che replica la realtà, anche se talvolta con un certo grado di astrazione. Giocando su questa ambiguità, il progetto, attraverso la modifica delle mappe, vuole proporre visioni virtuali, non ancora attuali, ma che lo sembrano in tutto e per tutto. La mappa da strumento oggettivo diventa uno strumento soggettivo prima, e collettivo poi, una volta che l’ambiguità viene svelata, compresa e condivisa dalla comunità di riferimento. In questo senso la nuova mappa si propone come un dispositivo in grado di recuperare il futuro, poiché offre delle visioni che solleticano la nostra immaginazione e che sfidano il nostro orizzonte, di fatto allargandolo.

Google Earth è implicitamente legato all’idea della temporaneità come a quella di permanenza: essendo a tutti gli effetti una foto, cattura un frammento di spazio in un certo tempo e fissa quell’immagine, rendendola di fatto quasi eterna. L’arte povera rivendicava il qui e l’ora, l’importanza del gesto, la performance come qualcosa di effimero. Legando il gesto all’immagine satellitare, anche esso da effimero diventa eterno.

close

Noi di Urban Prosumer non abbiamo canali social. Il nostro intento è creare una community di persone che abbiano a cuore le sfide che la società contemporanea ci pone. Se hai apprezzato i contenuti del sito e vuoi entrare a far parte della nostra community, iscriviti alla newsletter per ricevere un solo aggiornamento settimanale con tutti i nuovi articoli.

66 risposte su “+Two Lines Four Borders+”

Hey veгy cool blog!! Guy .. Beautifuⅼ .. Wonderful ..
I’ll bookmark your ѡebb site and take the feeds additionally?
I’m happy to search ouut so manyy helpful infоrmation right here ѡithin the publish, we need develօp extra strategіes on this regard,
thank yoou for sharing. . . . . .

Hey there just wanted to give you a quick heads up.
The words in your article seem to be running off the screen in Opera.
I’m not sure if this is a format issue or something to
do with browser compatibility but I figured I’d post to let
you know. The layout look great though! Hope you get the issue resolved soon. Cheers

Great ? I should definitely pronounce, impressed with your site.
I had no trouble navigating through all the tabs and related info ended up being truly easy to do to access.
I recently found what I hoped for before you know it in the least.
Quite unusual. Is likely to appreciate it for
those who add forums or anything, web site theme . a tones way for
your client to communicate. Nice task.

Feel free to visit my webpage; http://anapa-alrosa.com.ru/

Hello there, I found your website via Google at the same time as looking for a similar topic, your web site got here up, it looks
great. I have bookmarked it in my google bookmarks.[X-N-E-W-L-I-N-S-P-I-N-X]Hi there, simply changed into alert to your weblog thru Google, and found
that it’s truly informative. I am going to watch out for brussels.
I will be grateful if you happen to proceed this in future.
Lots of other people can be benefited from your writing.
Cheers!

Take a look at my website; Primiene

I’ve been exploring for a little for any high-quality articles or blog posts on this sort of space .
Exploring in Yahoo I eventually stumbled upon this website.
Reading this information So i am glad to convey that
I’ve an incredibly excellent uncanny feeling I discovered just what I
needed. I such a lot indubitably will make sure to don?t put out of your mind this web site
and provides it a glance regularly.

Here is my webpage – Zenzi CBD Gummies Review

Just desire to say your article is as astonishing.
The clarity to your publish is just cool and that i could think you’re knowledgeable in this subject.
Well with your permission let me to clutch your feed
to stay updated with forthcoming post. Thanks a million and please continue the gratifying
work.

My web page … Luiresse Skin Cream

Hello there, just became alert to your blog through Google, and found
that it’s really informative. I am going to watch out for brussels.
I will be grateful if you continue this in future.
Numerous people will be benefited from your writing.
Cheers!

Feel free to surf to my web page: agrocase.ru

Its like you read my mind! You appear to know a lot about this, like
you wrote the book in it or something. I think that you could do with some pics
to drive the message home a little bit, but instead of that,
this is magnificent blog. A great read. I will definitely be back.

Here is my page … Wowza Gummies

You’re so interesting! I don’t suppose I have read anything like that
before. So wonderful to find another person with
some genuine thoughts on this subject matter. Really..

many thanks for starting this up. This site is one thing that’s needed on the internet, someone with a little originality!

Look into my web site :: Keto Max XR Pills

Hello this is kind of of off topic but I was wondering if blogs use WYSIWYG editors or if you have to
manually code with HTML. I’m starting a blog soon but have no coding
experience so I wanted to get advice from someone with experience.
Any help would be enormously appreciated!

Hello there, I discovered your web site via Google whilst searching for
a related matter, your website got here up, it seems good. I’ve bookmarked
it in my google bookmarks.[X-N-E-W-L-I-N-S-P-I-N-X]Hello there, simply become aware of your weblog through Google,
and located that it is truly informative. I’m gonna watch out for brussels.

I’ll appreciate should you continue this in future.
A lot of other people might be benefited from your writing.
Cheers!

Feel free to visit my homepage sukko.com.ru

Hey I know this is off topic but I was wondering if you
knew of any widgets I could add to my blog that automatically tweet my newest twitter updates.
I’ve been looking for a plug-in like this for
quite some time and was hoping maybe you would have some experience with
something like this. Please let me know if you run into anything.

I truly enjoy reading your blog and I look forward
to your new updates.

Hey There. I discovered your blog the usage of msn. That is an extremely neatly written article.
I will make sure to bookmark it and return to learn extra of
your helpful info. Thanks for the post. I will certainly comeback.

I would like to get across my appreciation for your kindness supporting persons that have the need for help with this particular field. Your real dedication to getting the message up and down had become surprisingly good and have in every case empowered folks like me to realize their objectives. The warm and friendly hints and tips signifies so much a person like me and even further to my fellow workers. Regards; from everyone of us.

hey there and thank you for your info – I have definitely picked up anything new from right here. I did however expertise a few technical issues using this web site, as I experienced to reload the website many times previous to I could get it to load correctly. I had been wondering if your hosting is OK? Not that I’m complaining, but slow loading instances times will sometimes affect your placement in google and can damage your high quality score if ads and marketing with Adwords. Anyway I’m adding this RSS to my e-mail and could look out for much more of your respective exciting content. Make sure you update this again soon..

Greetings! I know this is kinda off topic however I’d figured I’d ask. Would you be interested in trading links or maybe guest writing a blog article or vice-versa? My website addresses a lot of the same topics as yours and I think we could greatly benefit from each other. If you are interested feel free to shoot me an e-mail. I look forward to hearing from you! Wonderful blog by the way!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *